SOMMARIO
Santuario



Ancona Duomo

Il Duomo di Ancona domina la vista del porto cittadino, è una delle zone più suggestive e caratteristiche del capoluogo marchigiano.


Taranto - Le chiese e il Duomo

Le chiese tarantine ed il Duomo: luoghi di devozione dei cittadini


Roma VIDEOGUIDA Vaticano San Pietro

La Basilica di San Pietro in Vaticano è una basilica cattolica che si trova a Roma , nella Città del Vaticano , all'interno dello Stato Pontificio , a coronamento della monumentale Piazza San Pietro. L'immenso edificio è spesso descritto come la più grand


Pianella Chiesa di Santa Maria Maggiore

Pianella è consciuta come la città dell'olio, abbiamo visitato la chiesa di S.Maria Maggiore, costruita nel XII secolo dai Benedettini


Assisi Basilica di San Francesco

La Basilica di San Francesco: meta di pellegrinaggi dei fedeli di tutto il mondo.


Bari Basilica di San Nicola

La Basilica rappresenta uno dei punti più importanti del turismo legato ai pellegrinaggi religiosi in Puglia. La Basilica di San Nicola, è un'opera colossale, in stile romanico. La sua costruzione segna l'unione, la miscelazione tra la cultura greco-ortodo


Bari La Cattedrale

La Chiesa di San Sabino è la Cattedrale di Bari: L'antica chiesa episcopale risale perlomeno al VI sec. Sotto la navata centrale si trovano i resti di una antica chiesa, risalente ad un periodo precedente al primo millennio.


Loreto Basilica Santissima Casa della Madonna di Loreto

La città di Loreto si è sviluppata intorno alla nota Basilica che ospita la celebre Santa Casa, la casa dove, secondo la tradizione, la Vergine Maria nacque e visse e dove ricevette l'annuncio della nascita miracolosa di Gesù.


Duomo di Spoleto

Veduta in esterno della Basilica umbra


Montecosaro Basilica SS. Annunziata di Montecosaro Scalo

E' una basilica con tre navate, ed è chiusa da un' abside semicircolare con tre eleganti cappelle radiali: è uno degli esempi più belli di architettura romanica cluniacense , non solo marchigiana.


Assisi Santa Maria degli Angeli

La Basilica di Santa Maria degli Angeli è una basilica cattolica sita ad Assisi, nella frazione omonima. Fu eretta intorno al 1600. In cima alla chiesa spicca la statua della Madonna rivestita d'oro.


Firenze Chiesa di Santa Maria del Carmine

La chiesa di Santa Maria del Carmine a Firenze domina l'omonima piazza nel quartiere di Oltrarno. È famosa per ospitare un ciclo di affreschi capolavoro fondamentale dell'arte rinascimentale, la Cappella Brancacci decorata da Masaccio e Masolino (e in seguito completata da Filippino Lippi) con Il peccato originale, La cacciata dal Paradiso Terrestre e Le storie di San Pietro.

La chiesa dedicata alla Beata Vergine del Carmelo sorse fra nel 1268 come parte di un convento carmelitano ancora oggi esistente; di quell'epoca restano visibili solo alcuni resti romanico-gotici sui fianchi. Il complesso fu ampliato una prima volta nel 1328, quando il Comune concesse ai frati l'uso del terreno adiacente la quinta cerchia di mura, e poi nel 1464, con l'aggiunta della sala del capitolo e il refettorio. I lavori ebbero termine nel 1476, con la struttura tuttora invariata di pianta a croce latina ad unica navata.

Come molte altre chiese fiorentine subì dei rinnovamenti fra il Cinque e il Seicento ma, a seguito di un devastante incendio del 1771 che distrusse quasi completamente l'interno, fu completamente rifatta basandosi su un progetto di Giuseppe Ruggieri da Giulio Mannaioni nel 1782. A quell'epoca risalgono le pitture del soffitto (Ascensione di Cristo) e della cupola (La Trinità e la Vergine in gloria fra i santi dell'Antico e Nuovo Testamento) eseguite da Giuseppe Romei e Domenico Stagi. La facciata rimase incompiuta, elemento comune di molte importante chiese fiorentine.

L'incendio non investì l'antica sagrestia, che conserva ancora nella cappella le Storie di Santa Cecilia attribuite a Lippo d'Andrea (1400 circa) e si salvò anche il monumento funebre in marmo di Pier Soderini, opera di Benedetto da Rovezzano (1512-1513), posto all'interno del coro dietro l'altar maggiore.


Firenze Chiesa di Santa Croce

La basilica di Santa Croce, nell'omonima piazza a Firenze, è una delle più grandi chiese officiate dai francescani. Una delle massime realizzazioni del gotico in Italia, è nota come Il tempio dell'Itale glorie per le numerose sepolture di sommi artisti, letterati scienziati che racchiude.

Santa Croce è un simbolo prestigioso di Firenze, il luogo di incontro dei più grandi artisti, teologi, religiosi, letterati, umanisti e politici, che determinarono, nella buona e cattiva sorte, l'identità della Firenze tardomedievalestoria della Chiesa come san Bonaventura, sant'Antonio da Padova, san Bernardino da Siena, san Ludovico d'Angiò. Fu anche luogo d'accoglienza per pontefici come Sisto IV, Eugenio IV, Leone X, Clemente XIV. e rinascimentale. Al suo interno trovarono ospitalità celebri personaggi della

Nei suoi archivi sono custodite testimonianze che ci tramandano la costruzione quotidiana, nel corso dei secoli, di un grande progetto con i suoi artefici, le sue risorse, i suoi obiettivi e le sue difficoltà.

Originariamente la basilica aveva una facciata incompiuta, una caratteristica tipica di molte basiliche fiorentine. La parete di pietraforte a vista assomigliava molto a quello che ancora si vede a San Lorenzo. Nel Quattrocento, la famiglia Quaratesi si era proposta per finanziare la nuova facciata affidandola a Simone del Pollaiolo detto Il Cronaca. La condizione però che lo stemma Quaratesi apparisse bene in vista al centro del fronte principale scoraggiò i frati francescani dall'accettare la proposta, e la ricca famiglia decise così di dedicarsi all'abbellimento di un'altra chiesa francescana, San Salvatore al Monte.

Oltre allo stemma di Cristo sopra il rosone (posto nel 1437 durante una grave pestilenza), in una nicchia al centro del semplice portale centrale, come unica decorazione, fu quindi posta la statua di bronzo dorato di San Ludovico di Tolosa di Donatello, già in una nicchia di Orsanmichele (dove fu sostituita nel Cinquecento da un'opera del Giambologna), che oggi si può ammirare nel refettorio del convento.

La facciata fu completata tra il 1853 e il 1863, ad opera dell'architetto ebreo Niccolò Matas. realizzazione molto criticata per il suo artificioso stile neogotico. Si trattò tutto sommato di uno dei pochi cantieri moderni che non provocasse perdite di antichi manufatti o di importanti testimonianze, e che coronò grandiosamente la piazza, alimentando il mito di Santa Croce in Italia e all'estero. Il cantiere fu finanziato da un facoltoso protestante inglese di nome Sloane. La stella di Davide inserita nel timpano della facciata, pur non sconosciuta come simbolo cristiano, viene generalmente intesa come un'allusione alla fede religiosa dell'architetto.


Firenze Chiesa di San Frediano

La chiesa di San Frediano in Cestello, sulla piazza di Cestello, è una delle più note chiese del quartiere Oltrarno a Firenze, la cui cupola domina l'omonimo quartiere, tradizionalmente popolare. La chiesa ha un impianto neoclassico piuttosto severo, a tre navate monumentali con pianta a croce latina.

L'edificio odierno fu costruito sul luogo di una più antica chiesa, il monastero di Santa Maria degli Angeli, eretto nel 1450 circa per le suore carmelitane di clausura. Qui visse e morì Santa Maria Maddalena de' Pazzi appartenente alla nobile famiglia fiorentina, come ci ricorda una lapide posta sulla parete esterna del convento su Borgo San Frediano.

Questa santa (1566-1607), entrata in clausura nel 1582, era famosa per le sue estasi, durante una delle quali ebbe la visione della volontà divina di riforma della chiesa. Morì nel 1607, fu beatificata nel 1626 e canonizzata nel 1662. Nel 1628 le monache scambiarono letteralmente il loro edificio con quello dei Cistercensi in Borgo Pinti, dove fu traslato anche il corpo della consorella beatificata. Quella chiesa è oggi Santa Maria Maddalena de' Pazzi che conserva anche il famoso affresco della Crocifissione del Perugino.


Ravenna Basilica di Sant'Apollinare in Classe

Veduta in esterno della famosa Basilica a pochi chilometri dal capoluogo emiliano


Venezia Campo SS. Apostoli

Venezia ospita più di 200 chiese, dislocate in ogni angolo della citta, questa è di Piazza SS. Apostoli


Duomo di Firenze

Piazza del Duomo sorge nel cuore del centro storico di Firenze. È dominata dalla mole della cattedrale e degli edifici correlati come il Campanile di Giotto e il Battistero di San Giovanni, anche se l'ipotetica linea fra Via de' Mertelli e Via Calzaiuoli divide la piazza in due sezioni, con il Battistero nell'omonima Piazza San Giovanni.


Padova: Basilica di Sant'Antonio

La Basilica di Sant'Antonio a Padova, conosciuta dai padovani semplicemente come il Santo, e la più importante chiesa della città e una delle più grandi e visitate al mondo. Non è comunque la cattedrale patavina, titolo che spetta al duomo. In essa sono custodite le reliquie di sant'Antonio di Padova.

La piazza antistante ospita lo splendido monumento equestre al Gattamelata di Donatello. Donatello realizzò anche le sculture bronzee (crocifisso, statue e formelle di varie dimensioni) che il Boito ha collocato sull'altare maggiore da lui progettato.